Come coltivare cannabis light indoor?

Se desideri essere seguito da un esperto nella realizzazione di impianti indoor, come Grow Box o Grow Room non esitare a contattare l'assistenza clienti in alto oppure chiamare in numero 3923171545 senza costi e senza impegno.

Vorresti coltivare cannabis (Legale) indoor ma non sai dove iniziare? In questa guida (Per principianti) verrà spiegato tutto passo dopo passo come coltivare fantastiche piante di cannabis legali indoor.

(Sei interessato alla coltivazione outdoor? Una guida semplice, chiara ed illustrata è disponibile al seguente link: come coltivare la cannabis outdoor)

Per evitare che gli sbirri vi possano piombare in casa consigliamo di coltivare soltanto varietà light legali certificate ad alto contenuto di CBD e con il thc compreso tra lo 0,2% e lo 0,6 %, consultabile al seguente articolo: Varietà di cannabis legali.

Una volta trovata la varietà che più vi interessa dovrete procurarvi semi di cannabis light legale in Italia (Non ci assumiamo nessuna responsabilità per un uso improprio di questa guida).

Per prima cosa bisogna comprendere a fondo il concetto che dovrete ricreare il più possibile l'ambiente esterno, nel periodo ottimale!!

Iniziamo quindi: per prima cosa bisogna procurarsi una growroom apposita oppure, se si possiede una buona manualità, costruirsela all'interno di un armadio, rivestendolo con i teli rifrangenti. All'interno della vostra room bisognerà metterci delle lampade (per ricreare artificialmente la luce che prenderebbero dal sole), hps, cfl o led: le prime richiedono anche l'utilizzo di un riflettore, per far si che il calore e la luce artificiale raggiunga tutta la vostra room, non facendo crescere solo la parte centrale della pianta; il led invece non ha bisogno di di riflettori e non emana calore (dunque non dovrete prestare troppa attenzione alla vicinanza della vostra pianta con la lampada e ad eventuali bruciature); inoltre con il led non avrete sorprese nella bolletta, dato il suo bassissimo consumo, ma pretende uno sforzo economico maggiore nel investimento iniziale. 

Una volta sistemata la vostra growbox/Darkroom con le lampade bisogna capire che la cannabis ha bisogno di un buon ricircolo d'aria (anidride carbonica, CO2 ) che solitamente ricevono dall'aria circostante nella coltivazione outdoor, dato che se non peremttete il ricircolo nella vostra room le piante finiranno con il consumare tutta l'aria presente assorbendola, ritardando così lo sviluppo e la crescita. Questo ricircolo avviene mediante dei motorini di immissione ed emissione d'aria (tranquilli, le grobox hanno già delle apposite fessure dove inserirli) ;

un ulteriore accorgimento sarebbe quello adoperare un filtro a carboni attivi per la pulizia della stessa aria, ma che non è essenziale per un principiante alle prime armi.

Un ultimo consiglio prima di iniziare è quello di scegliere con cura il substrato da utilizzare e la grandezza del vaso, oltre che servirvi di nutrienti liquidi, essenziali alla corretta crescita della pianta, dato che con il passare del tempo e con la loro costante crescita le piantine finiranno con il consumare tutti i nutrienti già presenti nella terra (che appunto è solitamente prefertilizzata) e non gli sarà sufficiente la sola energia che gli trasmette l'acqua, che manca sempre di importanti elementi nutritivi.

Una volta prese tutte le accortezze possiamo far germinare i nostri semini (vedi l'articolo sulla germinazione nella sezione del nostro blog) e mettere le piantine a piena luce, per la fase vegetativa, durante la quale avranno bisogno di 18 ore di illuminazione al giorno e 6 ore di buio.

Quando siamo soddisfatti della grandezza e vorrai mandare in fioritura il tuo raccolto basterà dimezziare (o quasi) le ore di luce portandola a 12 ore di luce e 12 ore di buio (outdoor naturalmente le piante se ne accorgono da sole in base al cambiamento del clima e con l'accorciarsi delle giornate, dato che sono fotosensibili).

Possiamo osservare come anche un semplice computer vuoto può essere utilizzato per coltivare cannabis light indoor:

In questa foto possiamo osservare lo spettro di luce dei pannelli LED appositamente progettati per coltivazione indoor, la nuova frontiera per chi ha esperienza nella coltivazione indoor e non vuole sorprese nella bolletta ;) :

Lutima fase è quella della pulizia delle cime e l 'essiccamento, procedura tale e quale a quella che si effettua per l'outdoor.